Come può imparare qualcosa di diverso da sé stessa?

sabato 26 luglio 2014

Il ritratto.

Posò il ritratto sulle gambe incrociate e lo guardò. Era il meglio che riusciva a fare, ma non era abbastanza. Sapeva che era identico a lui, ma mancava un dettaglio che per lei era il più importante.
Quella fermezza negli occhi quando le aveva comunicato che sarebbe partito, e che era irripetibile. Con quello sguardo sembrava dirle che non ci sarebbe stato niente che gli avrebbe fatto cambiare idea.
E così era stato. Alla fine era partito.
Passò un dito sulla linea decisa della mascella e sul profilo delle labbra, come se così facendo avrebbe davvero sfiorato il suo viso. Ma non era così.
Con gli occhi lucidi, si avvicinò alla finestra e guardò le sagome degli alberi. Quella foresta nascondeva un segreto più antico del mondo da cui veniva, e lui era partito per scoprirlo.
Respirò nell'aria fresca della sera. Aveva preso una decisione: sarebbe partita anche lei, e l'avrebbe trovato. Se dovevano scoprire cosa si celava in quel buio, dovevano farlo insieme.

Nessun commento:

Posta un commento