Come può imparare qualcosa di diverso da sé stessa?

martedì 21 ottobre 2014

Complessi di egocentrismo.

Piccola auto-critica a Una cacofonia di pioggia.

Ed è inutile che diciamo che il sole splende per farci dispetto, o che il temporale distrugge tutto per dimostrare che il cielo piange con noi. E' inutile che paragoniamo le meraviglie e le catastrofi della natura a noi.
Voglio dire, pensiamo sul serio che se ci fosse un Dio lassù se ne fregherebbe di noi? Che se ci fosse, e dico SE, penserebbe a uno stupido coglione che gioca con i nostri sentimenti? O ai nostri pianti per amiche che non sono tali? O ai momenti in cui non ci piaciamo perché non siamo ciò che piace alla società? Pensiamo sul serio che se lassù ci fosse un Qualcuno potrebbe occuparsi delle nostre stupidaggini, e far piovere o venire il sole per noi?
Penso che in realtà sappiamo bene che non è così, e che siamo parecchio egocentriche a pensare che il mondo ci giri intorno. Perché la Terra gira intorno al Sole, e il tempo viene da tanti fattori che noi non influenziamo di certo, e l'unica cosa che ci gira intorno è la Luna, che è costretta dalla forza di gravità. E che, tra l'altro, ci mostra una sola faccia perché sa che l'altra ci farebbe troppa paura, perché è orribile come qualunque cosa che può girarci intorno.
Insomma, siamo sinceri: stiamo distruggendo noi stessi e il nostro pianeta, come può esserci qualcosa che ha il coraggio di dipendere da noi?
Quindi, non facciamo gli egocentrici tutti quanti, e non cerchiamo di sentirci al centro del mondo grazie a quattro gocce che cadono nel momento giusto. Quando piangiamo siamo da soli, e spesso anche quando siamo felici, e a dire il contrario ci facciamo soltanto del male. 

Nessun commento:

Posta un commento