Come può imparare qualcosa di diverso da sé stessa?

sabato 8 aprile 2017

Quello che le donne non dicono ma dovresti sapere.

Ho trovato questo articolo su internet in inglese, e ho pensato che andava assolutamente tradotto. Di solito non traduco post di altri blog, ma questo mi ha davvero colpito. Non avrei saputo esprimere meglio quello che dice.
C'è questa cosa che succede ogni volta che parlo o scrivo di problemi riguardanti le donne. Cose come l'abbigliamento, la cultura dello stupro e il sessismo. Mi arrivano commenti come "Non ci sono cose più importanti di cui preoccuparsi? Davvero è un problema così grosso? Non stai esagerando? Sei sicura di starci pensando in modo razionale?"
Ogni. Singola. Volta.
E ogni volta mi innervosisco. Perché non ci arrivano?
Credo di aver capito perché.
Non sanno.
Non sanno di questo continuo ridimensionare, del minimizzare. Dell'assecondare in silenzio.
Dio, anche se noi donne lo viviamo non ne siamo sempre consapevoli. Ma lo facciamo.
Abbiamo tutte imparato, per istinto o perché ci abbiamo sbattuto contro, come minimizzare una situazione che ci fa sentire a disagio. Come evitare di far arrabbiare un uomo o metterci in pericolo. Più di una volta abbiamo ignorato un commento offensivo. Abbiamo riso ad un tipo che ci ha provato in modo volgare. Abbiamo ingoiato la rabbia quando ci hanno denigrato, sminuito, o trattato con sufficienza.
Non ci fa sentire bene. Ci dà la nausea. Ci sentiamo sporche. Ma lo facciamo perché non farlo ci metterebbe in pericolo o ci farebbe licenziare o etichettare come t***e. Così di solito cerchiamo di andare sul sicuro.
Non è qualcosa di cui parliamo ogni giorno. Non lo diciamo ai nostri fidanzati o mariti o amici ogni volta che succede. Perché è così frequente, intenso, che è diventato qualcosa con cui possiamo solo convivere.
Quindi forse non lo sanno.
Forse non sanno che alla tenera età di 13 anni dobbiamo ignorare uomini adulti che ci guardano il seno. Forse non sanno che uomini dell'età di nostro padre ci provano con noi mentre lavoriamo alla cassa. Probabilmente non sanno che il ragazzo della classe di inglese che ci ha invitato a uscire ci invia messaggi incazzati perché abbiamo detto di no. Potrebbero non essere consapevoli del fatto che il nostro direttore ci dà spesso pacche sul sedere. E di sicuro non sanno che la maggior parte delle volte sorridiamo a denti stretti. Guardiamo da un'altra parte o facciamo finta di non notarlo. Probabilmente non hanno idea di quanto spesso succedono queste cose. Queste cose che sono diventate una routine. Così scontate che ormai le notiamo appena.