Come può imparare qualcosa di diverso da sé stessa?

venerdì 19 maggio 2017

Un Mondo fatto d'Acqua.

Buongiorno meraviglie! Settimana scorsa in università hanno proiettato un documentario molto interessante, Water, not weapons (cliccando sul nome lo trovate in inglese). Racconta di un dottore giapponese in Afghanistan. Il problema principale in quella zona era la mancanza d'acqua (mi ha colpito quando il dottore ha detto ad un padre che ha portato lì il figlio, malato a causa di denutrizione e una serie di fattori, "Ti dovrei dire di sciacquarlo con dell'acqua pulita, ma non posso"), così il dottore si è ingegnato e ha costruito una diga (ovviamente con l'aiuto di volontari e organizzazioni e gli abitanti del luogo) e dei canali, in modo da irrigare buona parte della zona (che rimane comunque una percentuale minima dell'intera nazione) e risolvere almeno un po' dei loro problemi. Per sapere il resto guardate il documentario, perché non sono brava a spiegare queste cose rendendo loro giustizia e già con quello che ho scritto sento di non aver reso l'idea dell'enorme lavoro che hanno fatto per quelle persone.
Comunque, il preambolo era per dirvi che dopo aver seguito il documentario e gli interventi delle professoresse mi sono messa in biblioteca a studiare ma a metà ho interrotto linguistica per scrivere questa poesia, che in realtà non è nulla di che ma la pubblico comunque.

Ho sentito parlare di
un mondo fatto d'acqua
sulla Terra.
Dove tutti hanno
e creano
e non possiedono nulla
che sia un lusso,
che sia troppo,
che sia al di fuori del necessario per
stare bene.

Ho sentito parlare di
un mondo fatto d'acqua
sulla Terra
dove il troppo è stato eliminato
a favore del giusto.

Sì, parla di un mondo utopico, ma non sono neppure sicura che sia un mondo giusto. Chi dice cos'è troppo? Di sicuro non io. Mi vergogno a dirlo, ma ci sono cose per cui non so proprio limitarmi...
(vedi: libri)

lunedì 15 maggio 2017

Punto 4 - Writing Challenge

Buoooonasera meraviglie! *tenta una voce da presentatore televisivo,
 si sente stupida e torna a quella normale... nessun risultato: continua a sentirsi stupida*
Tantissimo in ritardo, ecco il punto quattro della Writing Challenge! Non sono abituata a scrivere di personaggi altrui (non vi dico la mia lotta nel tentare di scrivere una fanfiction prima di rinunciare), ma ho fatto del mio meglio. E con fatto del mio meglio intendo che ho tentato di lasciare meno possibile dei personaggi ma ho tenuto l'ambientazione.
Forse ho un po' barato. Anyway, la richiesta era

Scrivi una scena dopo la fine dell'ultima scena (film/libro/serie tv).

Ieri sera ho visto Il Labirinto del Fauno (film che amo) e, almeno nella mia testa,
questo è quello che succede dopo.

Sono passati vari anni ormai da quando è successo tutto. Da quando la battaglia è stata vinta e sua sorella è stata uccisa. Da quando è iniziata la sua vita tra i ribelli. Non ricorda quasi nulla, è ancora troppo piccolo. Ma questa vita di corse e paura e fretta e fugacità è tutto quello che conosce. Non sa cosa altro aspettarsi, non sa cosa gli manca. La donna che l'ha cresciuto gli racconta delle storie. Niente fate, nulla su quella magia con cui è cresciuta e vissuta e morta Ofelia, ma storie vere. Storie che possono aiutarlo a sopravvivere tutti i giorni. E tutte le sere gli canta una ninna nanna. Senza parole, solo una melodia mormorata che ha sempre un che di familiare.
Dopo tutti quegli anni è la prima volta che tornano nella foresta accanto al labirinto. O forse ci sono tornati altre volte, ma lui non le ricorda. Forse non era abbastanza grande da addentrarvisi poi da solo. Di certo è la prima volta che si spinge così ad est, così vicino a quelle rovine soppiantate dalla natura e a quel mucchio di rocce che forma strade piene di vicoli ciechi. Segue un insetto fino all'ingresso del labirinto, senza sapere di stare ripercorrendo i passi di Ofelia. Lui non ha mai sentito parlare di fate, non sa cosa siano, non sa che nome dare all'esserino con le ali che gli indica la strada. Segue l'ominide per una serie di curve finché non arriva al centro, in cima ad una scala a chiocciola che sembra perdersi nelle profondità della Terra. Quando non lo vede più decide di proseguire da solo, e scende e scende e scende finché la luce del Sole sembra un ricordo lontano e non sa quando né se potrà rivederla. Gli sembra di trovarsi in un altro universo, ma non capisce questa sensazione. Non prova quella familiarità che provava sua sorella, ma un senso di estraneità, come se fosse nel posto sbagliato. I suoi occhi si abituano al buio e si trova davanti alla scultura, faccia a faccia con una bambina che tiene in braccio lui, in fasce. Ovviamente non sa di chi si tratti. Non penserebbe mai che una scultura di lui si trovi in fondo al pozzo al centro di un labirinto.
-Principe,- lo chiama una voce cavernosa. -Vi stavamo aspettando.
Si volta per vedere a pochi metri da lui un paio di corna che riflettono uno spicchio di luce su un volto piatto, senza forma, che ricorda quello di un caprone che per sbaglio è voluto sembrare più umano. Eppure è sottile, ambiguo. Le zampe di capra non sono neppure la cosa più strana.
-Chi sei?- Nessuno gli ha insegnato a dare del voi, tra i ribelli. Le buone maniere non sono la loro priorità.
-Il Fauno, Principe,- fa inchinandosi. -Per servirvi.
-Io non sono… Non sono Principe,- risponde il ragazzino, indietreggiando prima di accorgersi che la scala è oltre il fauno. Nessuno gli ha insegnato neppure il significato della parola principe.
-Sì invece. Siete un principe, fratello di Vostra sorella, che da anni piange per Voi nel Regno. Sa che state bene, ma vorrebbe vedervi.
-Mia sorella è morta.
-Vostra Sorella è viva. Vivrà per l'eternità, e potreste vivere con lei anche Voi, se solo lo vorreste. Vi basta superare tre prove, prima della prossima luna piena.
Il bambino lo fissa, e per qualche motivo gli crede. Tre prove per la vita eterna. Dovrebbe suonare come una proposta allettante, ma lui scuote la testa.
-Non voglio la vita eterna.
L'espressione del Fauno diventa quella di un cavallo imbizzarrito. -Tutti vogliono la vita eterna.
Il bambino lo aggira, è per le scale, già sul terzo gradino. -La mia vita è con chi mi ha cresciuto. Non è eterna, ma è così.
Avrebbe combattuto per dare una vita un po' più lunga e un po' più bella a chi gli stava accanto, piuttosto che per una vita eterna. Non l'aveva mai cercata, non aveva motivo di volerla ora.
Da un trono, molto molto molto più in basso e molto molto molto più in alto, Ofelia sorrideva tra le lacrime, perché vedeva per lui un futuro più glorioso di quanto lei avrebbe mai potuto sperare, in quel suo regno di eterna gioia.

NB: La cosa più difficile è stata usare il voi nel discorso del Fauno.

Come sempre spero vi sia piaciuto e aspetto le vostre opinioni (anche negative) :*

giovedì 11 maggio 2017

Tutto dentro la tua testa.

Come se
sapessi che succede
e sapessi che sta succedendo
e perché
ma non bastasse.
Come se
andasse tutto così bene
ma male
che non riesci a capire
ad accettare
ad ammettere.
Come se
fosse tutto così confuso
che puoi solo urlare di frustrazione
e sbattere i piedi per terra
e prendere a pugni il muro
dentro la tua testa.
Perché devi continuare a sorridere
ed essere sembrare felice
perché non puoi ammettere
che non ti basta e basterà mai
che non ti va bene e andrà bene mai
perché vuoi di più.
Ma non si può volere di più.
Non si può essere ingordi
e chiedere e chiedere
e pretendere e pretendere
e volere e volere
e non importa quanto tu abbia fatto
per volere e pretendere e chiedere
e non importa che tu abbia impegnato tutto
e gettato tutto
e speso tutto
per la possibilità di essere ingorda
e chiedere di più.

e non importa
che tu non possa essere ingorda
che non ti basta
che vuoi di più
perché ti devi accontentare
e non basta
ma ti deve bastare.
e urli di frustrazione

ma è tutto dentro la tua testa.

domenica 7 maggio 2017

Bolla di lacrime.

Buonasera bellezze! Finalmente dopo tanto tempo e altrettanti sensi di colpa, eccovi un nuovo post! In realtà stamattina ho provato a continuare il nuovo capitolo de La Protagonista, ma sembrava qualcosa che avrei scritto durante le medie. Faceva pena, sul serio. Quindi ho chiuso il pc e ho ripreso a studiare, ma adesso stavo controllando alcune cose e poi ho trovato un concorso a cui partecipare, per cui ho cercato una poesia da mandare ma nessuna mi soddisfava e quindi ho deciso di fare una riscrittuta di Nascosta. Non sono sicura di come sia venuta o quale delle due sia meglio, lascio a voi il verdetto.
Spero vi piaccia e spero di tornare presto con qualcosa che non sembri scritto da una dodicenne. Grazie dell'attenzione e buona lettura e buona serata <3
Mi sembra di correre,
ma in realtà sono ferma
in una bolla di vetro che corre con me.
E corro e scappo
e mi dico che è vivere.
I paraocchi non mi permettono di sapere che c'è altro.
La bolla non mi permette di toccare nulla,
di sentire nulla,
di farmi toccare da nulla.
Se sia un bene o male
non lo so.
Come la bolla sia nata
non ricordo.
Che sia cresciuta da sola,
costruendosi sulle mie lacrime?
Non sono sicura.
Che l'abbia costruita io
su quei cocci enormi di paura?
Probabile.
Non mi fa toccare il bene,
non mi permette di ricordare
-se mai l'ho saputo-
che esiste.
Ma non mi fa toccare dal male
e quindi mi ci aggrappo e me la stringo addosso
non mi fa soffrire e sul serio
cosa posso volere di più del non soffrire?
«Una vita»
direi se sapessi cos'è
e se sapessi se ne vale la pena.
Ma non l'ho mai conosciuta
e chi mi spiega una vita?
chi spiega le emozioni?
E mi stringo la bolla addosso finché non crolla
e realizzo che ero io a costruirla ogni volta
perché ogni volta è più fragile
e crolla più facilmente
e ho paura che non regga più
e più ho paura e più ne ho bisogno
e più credo che non regga.

E mi stringo addosso una bolla di lacrime
sperando mi protegga da un dolore
che l'ha oltrepassata e riempita e mi soffoca
e non me ne accorgo
Perché già non respiro più. 
PS: Se vi va di seguirmi, adesso sono anche su Instagram (qui)!